Estate

Un’estate sta svolgendosi e con calma serafica sta esaurendo le sue competenze: quel caldo intenso che ti riempie e ti stordisce sino ad assopirti, il piacere intimo e antico di un’alba rubata nel cuore della notte, lo scampanellio vivace di biciclette colorate, le voci di madri che ringiovaniscono tra le vie dei mercati, il mare che è da sempre il limite più maestoso che l’essere umano conosca…quando guardo il mare penso sempre a due canzoni: L’odore del mare di Eduardo de Crescenzo, che intensamente ti riporta all’effetto calmante e consolatorio del mare, e a una frase di...

read more

Bipolarismo

Ultimamente sempre più spesso mi chiedono del bipolarismo o arrivano pazienti in studio con questa diagnosi. Saranno gli effetti sanitari pseudoculturali del post quarantena…. Evidentemente va un po’ di moda, e ci si immagina subito chissà che folcloristiche manifestazioni psicopatologiche. Facciamo chiarezza: l’apparato mentale funziona sempre in binario, come la pompa cardiaca: la sistole psichica equivale agli stati eccitatori, la diastole psichica a quelli inibitori. Ed è un susseguirsi quotidiano di fasi in accelerazione e fasi in flessione emotiva, laddove le fasi in...

read more

Il “buon” terapista

Ho notato che in questo periodo traballante (tra la necessità di lasciare alle spalle una serie di eventi catastrofici e la paura orientativa di ritrovarsi immersi in un’altra situazione emergenziale), si sprecano le opinioni cliniche, i pre-giudizi clinici e lo sciacallaggio terapeutico. Si sfornano diagnosi per accaparrarsi a buon mercato l’avventore stolto, il cosiddetto paziente. Sono arrivati nel mio studio giovani ragazzi imbottiti di sostanze stimolanti (vedi antidepressivi) con tanto di diagnosi disparate: disturbo post-traumatico, depressione, ciclotimie, psicosi. Nessuno si è...

read more

Avanti e indietro

Come si poteva sospettare: la quarantena (con annesse tutte le angosce di castrazione e quelle relative al fantasma ferreo della morte) ha creato un crocevia senza mezzi termini, una biforcazione emotiva e, probabilmente, antropologica. All’interno della stanza d’analisi, tramite il microscopio clinico, si sono evidenziate due scelte del mentale: una psiche aizzata, incazzata, colma di riscatto, che vuole rivedere i propri canoni esistenziali e non perdere altro tempo; insomma crescere, proiettata verso l’avanti. E all’opposto una psiche spaventata, rattrappita, scalfita, martoriata,...

read more

Normalità

Un grandioso ed epico ritorno desiderato alla normalità. Poi viene in mente che la normalità è questione complessa. Poiché corrisponde a leggi oggettive (il cervello umano funziona per tutti allo stesso modo); e a leggi soggettive, nel senso che dipende da livelli di soglia soggettivi, costruiti geneticamente e plasmati dall’apprendimento. Uno stesso comportamento acquista i toni della fisiologia (normalità) per una data persona in un dato momento storico ed evolutivo e poi diviene disarmonico pochi mesi/anni dopo. I medesimi tempi si differenziano poi da persona a persona e da cultura...

read more

La madre

È passata la festa della mamma, esula dalla quarantena ma si amplifica nel vissuto quotidiano del femminile che, in questo periodo più che mai, si ritrova a svolgere ruoli multilivellari: madre, maestra, moglie, figlia, cuoca, donna delle pulizie e quant’altro. Ma, al di là del dibattito sull’identità di genere e sulla fatica che il femminile ancor oggi, da retaggi antichi “antropologicamente” sanciti, compie per individuarsi (dibattito che meriterebbe comunque di essere svolto), ci concentriamo un attimo sul maternage. Il materno è un luogo carico di insidie. In primis perché...

read more